#27

Le coperte sono corte, hanno angoli smussati
fa caldo qui e Tu hai detto: tienimi il braccio.

Ma si suda, la notte è afosa quanto la vita
E io ti sono appiccicato, come un bambino.

In animo, giorni sciupati
mentre ritrovo spazio
tra sudori e notti da scontare

Tengo il tuo braccio
appeso
al giogo che ci sostiene

La via si deforma.
Il caldo evapora
orme

E io, ti sono lontano
nel letto
appiccicato.

Questo articolo è stato pubblicato in Autore redent Enzo Lomanno e contrassegnato come , , da redent Enzo Lomanno . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su redent Enzo Lomanno

Redent Enzo Lomanno (Vincenzo Lomanno) nasce a Moncalieriil 05-04-1976 e vive attualmente a Roma. Scrive inizialmente per svago, raramente, poi sempre con più intensità. La poesia è per lui un qualcosa che va al di là di un semplice tratto: è una cura. Nel 2012 fonda il movimento Bibbia d’Asfalto (http://poesiaurbana.altervista.org/) insieme ad altri redattori e scrittori del Movimento, promuove diverse iniziative finalizzate alla socialità e all’arte, tra cui la rivista culturale quadrimestrale Bibbia d’Asfalto con la casa editrice Kipple officina libraria. I suoi testi sono stati pubblicati su vari blog letterari, Antologie, riviste specializzate (Pastiche, Versante Ripido, Almax Magazine ed altre). Ha pubblicato con Matisklo edizioni la raccolta poetica "Una Piuma a Babilonia" e "cicuta" con Terra d'Ulivi Edizioni. Collabora attivamente con 100 Thousand Poets for Change e con altre associazioni quali sicilia.punto.poesia e Revolutionary Poets Brigade.
187 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*