A Mirta

Sei volata via, suicida gettandoti

nel vuoto dalla Reggia di Caserta.

Sapevi di non avere ali.

Poi ti ricorderò così bruna

e così donna. Sei cometa nascente

in galassie, sei sempre Mirta,

La tua mente azzurra e affilata

il tuo pensiero, anima di Dio,

per altre resurrezioni nell’interanimarti

ancora alla villa al giardino a me.

166 Visite totali, 6 visite odierne

The following two tabs change content below.

Raffaele Piazza

Ultimi post di Raffaele Piazza (vedi tutti)

Precedente PREFERISCO DORMIRE Successivo "Lo scatto della lucertola", di Tiziana Marini. Riflessioni.

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.