Alberone Libero

 

Torrente Alberone – foto di Aran Cosentino

 

Tuoi questi rami adorni
nel tambureggiare
veloce dei picchi,

l’invito del bosco
che schiude la voce:

Alberone,
il tuo lacrimare

raccoglie sguardi
dove la loggia abbraccia
un cielo d’acqua.

Nel contorno
di lucciole a sera

la stola reale di una valle
sigilla il fremito del Matajur.

 

 

 

282 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Catia Dinoni

Ultimi post di Catia Dinoni (vedi tutti)

Precedente Senza parole Successivo È morta l'immortalità

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.