Alessia D’Errigo

foto - Alessia D'ErrigoNata a Tivoli il 17/11/1980
Ricercatrice in campo teatrale e cinematografico. Scrittrice, interprete e regista di varie opere teatrali. Dopo un percorso classico come attrice inizia una ricerca personale sull’atto scenico e sulla reale necessità del suo manifestarsi. Nel 2004 apre, insieme al suo compagno, l’artista e regista Antonio Bilo Canella, il “CineTeatro di Roma” (www.cineteatro.org) centro di ricerca formazione e produzione in campo teatrale e cinematografico. Proprio al CineTeatro inizia un lungo percorso sull’improvvisazione totale: la Performazione (http://www.performazione.com/ ) e porta avanti una ricerca personale
sull’Improvvisazione Poetica. Da questa ricerca sull’improvvisazione poetica – nel 2011 – Alessia D’Errigo apre il progetto IMPROMPTU THEATRE (http://impromptutheatre.jimdo.com/ ), l’intento è quello di voler fondere varie arti (musica, poesia, danza, pittura e teatro) in uno scenario d’improvvisazione totale. Progetto sancito dall’omonimo spettacolo “Impromptu” con il pittore-performer Orodè Deoro, e da altre due performance “Variazioni Belliche (LamentAzione)” e “Per i tuoi occhi bianchissimi”. Nel 2011 pubblica la sua prima silloge poetica ‘Carne d’aquiloni’ con l’editrice Zona nella collana ‘Contemporanea’. I suoi testi sono presenti in numerosi blog, riviste (web e cartacee) e in alcune antologie. Cura la rubrica di poesia al femminile ‘Rediviva Donna (classica e contemporanea)’ sulla webfanzine Versante Ripido

 

studio 06-8175275
[email protected]

≈≈≈

Tu notte

mandami avanti

ricreami nuda e bianca

come nessuno osò

nudo e bianco

occhio posato a cruna e filo d’oro

occhio d’oro che la cruna imbucò

sulla tua pupilla, luna.

Creami ancora il naso

naso contro naso

ad estorcere un po’ di bene

di pelle e forca il bene

la forca del male, un bene

se tu ne vuoi di bene

quel bene che chiamo.

E tu invoca

in questa notte

le barbe di tutte gli dei

a colmarmi e ricordarmi

che t’amo

che t’amo ancora

invecchiata di vita e credo,

un lastrico d’oro ha aperto il mare

sbavature

di salsedine sulla lingua

astro d’oro

il mare, ripeto.

E tu chiami la virtù, la virtù ti chiama

supina sui suoi cenci

ove

il mare è un bene a cui nessuno s’accompagna

mentre la riva del corpo ne sente la fermezza,

il punto estremo ritrovato

dentro una conchiglia, eco.

Ma sempre di notte viene

quel corpo bianco a imprigionare ombre

incastrandole nella pece degli occhi,

sempre viene a dargli fiato sul collo

quel cigno nero fatto riflesso e specchio

immobile-atemporale d’un sogno

quel corpo bianco

(mio ricordo)

ch’è un bene e un sale

da bere:

per le mie labbra, un soffio

per le tue labbra, la schiuma

per me e per te quel che rimane sulla sabbia, sabbia.

E viene lo stridore dei gabbiani a farci vivi

viene da lontano su un cielo fermo

la coda d’un gabbiano, la tua mano sul fianco

la coda d’un gabbiano, la tua pelle in fiore –

coda divelta di un bacio.

Oh, notte mia

lascia al corpo la stringa dell’abbraccio

non un refuso, non uno schianto,

ma semplice cosa che si fa corpo

e poi, volo.

≈≈≈

Io mi distendevo al mare

e il cuore era tutto l’oceano di cui dispone un corpo;

lombi di spuma.

La conchiglia ha la sua deriva

l’oggetto bello

corno di cavallo e vento

ha affiancato la nostra carne a Dio

poiché potesse dissotterrarsi dalla terra

la sua croce

l’albume del cuore, steso

sedimentato sulle bende.

Chi avrà tra noi la parsimonia degli angeli?

a chi verrà negato il lembo del sangue?

quale precipizio lascerà il posto a Dio?

Ma Egli, no

egli sedeva sull’acqua come spinto dai flutti

verso isole insormontabili

nessuna distrazione v’era a scuoterlo

elargiva il suo portato

sussurrando all’orecchio la strada.

L’avea udito un bambino

il bisbiglio

l’almanacco del silenzio

riportando a noi la faccia

di quel Cristo

che non era di pianto

ma di Creatura

senza peccato e peso.

Per questo mi misi a nuotare verso di lui

navigando l’aria sino alla sua aura d’oro e cobalto,

fatto di spuma s’era,

intriso del contatto

aveva udito il canto.

(Chi non ha mai visto il mare

soffre di un grave problema di verginità)

≈≈≈

Sparsa s’era l’acqua

un precipizio colato

sparsa l’acqua s’era

nelle gole del mio pianto

pianto s’era, di gole

colato mio precipizio

(ignudo)

che di calle s’abbellì

(grembo)

di fiori e d’acqua

la gola s’era

che l’acqua e l’ ignudo

furono

che l’acqua fu

e l’ignudo pure.

E allor che amato si seppe

io che dissi al poi?

Molecola cara

da me venisti,

da me, che al di là

molecola fui

e nessuno disgiunse

riva-bocca

nessuno

il bacio tuo.

≈≈≈

Agave di un corpo, t’eri fatto,

com’io fatta di te, mi feci

e fu luna che abbandonò il cielo

quando la luce tenue, sporgendo dal vetro

s’adornò sulle tue caviglie

e il corpo si fece bello

e la bocca d’amaranto si leccò il giorno

mentre l’occhio – fatto per vedere grande –

sulla tua pelle analizzò il reale

per svegliarsi dal sogno.

(visione eterna)

≈≈≈

L’acqua ti arrivava rossa

come la bocca di un’enorme vagina.

L’inchiostro era mistura per le capre da terra

e per le rive, dove giaceva un pelo di pube,

t’affacciasti indomita al mondo

per colmarlo di foga e libido.

Oh, bocca che procreò figli

come si tinse il tuo affaccio?

Fatto bello che bella fu la sorte

al tuo orpello divino, pane e mistura,

pane e mistura si cinsero ai tuoi fianchi.

Chi potrà affacciarsi sotto la tua gonnella?

Vederti da vicino nell’occhio,

più di un occhio, più di un occhio t’abitò –

allungo di penitenze la voce cantava

al tuo inguine, suonando bianchissimi lombi, suonando.

Chi ti carezzò mani-amore-bocca-tutto-tutto-tutto, chi?

Non smise di parlare il silenzio

appeso al ventre, sospeso e rosso:

mistura di pane, mistura di pane, mistura di pane,

senti come canta?

≈≈≈

Io m’ero, come tu mi vuoi: un soffio

Io m’ero che tu volessi soffiar via

Io m’ero via, mentre soffiava il tu

ma non so se l’ascoltammo ancora

privo e nudo, imbastito dal caso

Io m’ero il caso imbastito dal tuo tu

Tu m’eri nudo e sodo tra le gambe

chi ci incontrò non disse niente

poiché il niente era il soffio privo del noi

un mulino a macerare l’aria: il tuo volessi

un mulino a macerare l’aria: il tuo caso

un mulino a macerare l’aria: il tuo sodo e nudo.

Abbi il coraggio ancora, abbine ancora,

oscuro e colmo di santità, abbine ancora

com’io feci della santità il giogo,

la prateria sterminata dei nostri averi:

piccoli possessi insoluti

piccole ali fenici, piccole chiocciole e

derive. Abbine cura.

 

Commento di Alba Gnazi

(Chi non ha mai visto il mare

soffre di un grave problema di verginità)

(da Io mi distendevo al mare)

 

Leggere come danzare. Come intingere le punte degli alluci dentro acque calde che si colorano di spume e geyser improvvisi; acque in movimento lento e inarrestabile che salgono e circondano le membra, e cambiando cambiano la pelle, mentre gli occhi tesi in alto s’innamorano del cielo – diventano cielo, un tutt’uno con la danza delle parole –  e la danza non si spegne.

Come danzare, dicevo: perché danza e Musica e voce e ritmo sono il quid, l’essenza, il portavoce, l’Io Assoluto di queste poesie di Alessia d’Errigo – ma anche il contrappasso, la coscienza esterna, la riflessione bruciante, il moto curvilineo difforme del sentire.

Poesie con versi brevi allacciati stretti gli uni agli altri, o versi più estesi che sconfinano nei territori della prosa; forme lessicali che assaporano e offrono sapori originali, tramite cui i significati vengono tradotti e veicolati (ma anche smascherati, reinterpretati, vivificati) da significanti provenienti da tutti i Dove e gli Altrove che cifrano il poetare di Alessia, un poetare di ricerca e dialogo, di co-scienza in flusso costante (ne fece largo uso Joyce, a suo tempo), che interseca intuizioni inedite atte a dar corpo e suono alle epifanie dell’anima.

 

Una poesia feroce e dolcissima, come qui:

ricreami nuda e bianca

come nessuno osò

nudo e bianco

occhio posato a cruna e filo d’oro

occhio d’oro che la cruna imbucò

sulla tua pupilla, luna. (da Madrigale);

 

tinta di sensi e corpi esposti che allineano metafore e asperità che attendono di essere scorte e saggiate, come ogni evento ineluttabile:

 

L’acqua ti arrivava rossa

come la bocca di un’enorme vagina.

L’inchiostro era mistura per le capre da terra

e per le rive, dove giaceva un pelo di pube,

t’affacciasti indomita al mondo

per colmarlo di foga e libido. (da L’acqua ti arrivava rossa)

 

 

Versi per orchestre d’elementi, chiamati a testimoni dei rivolgimenti che imbastiscono e scuciono i tessuti interiori della Poeta, che nutrono occhi e intenti, e s’incarnano, e diventano Amore:

 

e fu luna che abbandonò il cielo

quando la luce tenue, sporgendo dal vetro

s’adornò sulle tue caviglie

e il corpo si fece bello

e la bocca d’amaranto si leccò il giorno (da Agave di un corpo)

 

 

Versi per voce sola, come un canto solitario che la Poeta sussurra a se stessa, colma delle rivelazioni che la natura le offre, grata e sofferente per la bellezza e il dolore che della bellezza porta il peso – perché la bellezza sostiene gravami che occhio disattento non coglie, e allora canta per farsi coraggio, e chiede asilo alle anime in ascolto, a una nuvola all’orizzonte, a una conchiglia, a un gabbiano che stride, a un bambino che ode ‘’l’almanacco del silenzio’’ di Cristo (umana eterea forma di bellezza priva di peso).

 

Versi che vibrano di reiterazioni, di seduzioni d’ anafore, di eleganti chiasmi; versi puri, privi di un lirismo fine a se stesso, incidenti e coincidenti con tutte le a-logicità dell’essere/sentirsi Donna e Natura, Caso e  Scelta, Interprete e Osservatore, Rarefazione e Fisicità; dell’essere distanti e prossimi ai fulcri su cui tutto ruota – spesso in sensi inversi, ma il movimento porta comunque e sempre visione e ritmo – e muta, su cui il Farsi e il Disfarsi sono l’atto primigenio e ultimo attraverso cui si compie la dialettica dell’universo. Distruzione vs Creazione: del sé in rapporto con lo spazio circostante, del sé in rapporto con sé e con l’Altro/gli Altri, in modo asincrono o in totale armonia, purché vi sia modo e tempo per cercare e cercarsi, purché il rispetto sia àncora e chiave di volta, purché mai ci si fermi – ché di apparenze e difficoltà è cosparso il sentiero, e la Poeta sa, e il suo canto si rafforza:

 

Abbi il coraggio ancora, abbine ancora,

oscuro e colmo di santità, abbine ancora

com’io feci della santità il giogo,

la prateria sterminata dei nostri averi:

piccoli possessi insoluti

piccole ali fenici, piccole chiocciole e

derive. Abbine cura.

[Di cose così grandi, di cose così piccole è fatto il mondo: e noi non ne vediamo che un angolo distratto, con la coda dell’occhio, mentre ci disperiamo per i voli delle rondini, o annodiamo i fili rotti di vecchi aquiloni].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*