NEGROMANTE

Vociare sommesso scricchiolio ritmico: -La notte del finalmente calabroni- Aria attraversa narici labirintiche evadendo sciame di musica non clericale, la... Continua »

SCALA

Guardavo con la coda dell’occhio il palazzo buio le mani sconfitte tiravano vita su ringhiere marmorizzate senza candele e con... Continua »

STAZIONE

I suoi pantaloni attillati, la ragazza della Cina che s’addormenta dentro-la-mia-testa è forse il ritorno della papera bianca? Lei non... Continua »

Ho un gran pudore -un occhio rinascimentale- Una grande mano -afflitta, sparita su Hiroshima- Due grossi tomi di idiozie Ancora... Continua »