Bocconi di cenere

 

cenere

Bocconi di cenere

che impastano

pensieri neonati

e di cio’ che fu legno

neanche l’odore.

 

Ci si sporca piu’ le mani

ad indicare vuoti

sempre a perdere

 

e occhi abrasivi

come lingue di gatto

 

e sempre

arriva

il

dolore.

 

Questa poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l’attribuzione all’autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

194 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Alessandra Piccoli (vedi tutti)

Precedente Odio strofinare la quiete di quest'ora impervia a febbraio. Successivo Qualche Volta

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.