Cambio flebo

Dalle mani veniva l’idioma delle tue ferite,
dagli occhi lo scavo profondissimo dell’aria
e scavavo e mi lasciavo prendere
aereo intermittente
nei pochi centimetri di lontananza
dall’amore alla paura
di capirti al volo,
ed eravamo assenti in un sol punto
cuciti all’origine della parola.

Poi un infermiere a caso,
da una lontana terra
senza nemmeno bussare,
senza nemmeno esistere,
come se quel teatro fosse
la sua sopravvivenza.

257 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Giovanni Perri

Ultimi post di Giovanni Perri (vedi tutti)

Precedente Recensione a Antonio Nazzaro: Odore A Torino-Caracas senza ritorno (Ed.Arcoiris 2014) Successivo Non crederti poesia

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.