CANTO DELLA SCONFITTA

Il nemico persecutore
non dorme,

saltella sulle ferite
cosparse di vernice
e di petrolio.

Il tentativo di lasciare il mondo
in maniera ossequiosa
come lo si racconta?

Eppure il silenzio della stanza
assassinava un suicidio
solo pensato.

180 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*