CANTO DELLA SCONFITTA

Il nemico persecutore
non dorme,

saltella sulle ferite
cosparse di vernice
e di petrolio.

Il tentativo di lasciare il mondo
in maniera ossequiosa
come lo si racconta?

Eppure il silenzio della stanza
assassinava un suicidio
solo pensato.

4 Visite totali, 0 visite odierne

The following two tabs change content below.

Luigi Finucci

Ultimi post di Luigi Finucci (vedi tutti)

Precedente Mattina Successivo Vocabolario psicologico di un sedicenne con troppi libri e film alle spalle

Lascia un commento

*