Carillon

mi porto alle tue fondamenta, tocco le ossa e le radici
entro tacendo nella tua mappa di nei secolari:
porta pazienza
della mia lunga fila di castelli arrugginiti
da piogge e ubbìe,
ascolta il camminare scalzo delle bestie quando sogno
di averti in respiro e ti catturo come fossi il primo cerchio della notte,
la parete girata da toccarci l’esatto fruscio dei pianeti
nel mio carillon di parole.

210 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Giovanni Perri

Ultimi post di Giovanni Perri (vedi tutti)

Precedente Aprile, 25 Successivo Nota di lettura di Alba Gnazi a "e mi domando la specie dei sogni" (Terra d'ulivi edizioni, marzo 2017) di Giovanni Perri

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.