È l’ottobre

È l’ottobre che invecchia
Quello che paga i peccati in rughe
ma nasconde il declino nelle maniche

Quello che accende fuochi
e bruciacchia castagne a fiamma viva

che fa impazzire i cani col profumo
di oro nero
lo affetta sottile e ti guarda goderne

È l’ottobre dei colori furenti
del rincontrarsi
al fresco che chiude nelle stanze
e che spartisce la nebbia
tra il sonno
gli abusi e le tisane

È il mio ottobre
sulla mano a cinque punte
aperta
come una foglia secca

4 Visite totali, 0 visite odierne

The following two tabs change content below.

Amara

Ultimi post di Amara (vedi tutti)

Precedente Poeti pirati Successivo Asphyxia

Lascia un commento

*