È morta l’immortalità

e tu ne lavi il corpo
che ha il contorno del padre
non la sua forma
esattamente
ma quella sbilenca
che soleva portare
ultimamente e ora sta fredda
sul materasso scavo
e ha il grigio del sasso, la magrezza
impavida della radice.
È morta l’immortalità.
Mentiva il libro
che hai tenuto nella sporta
ad ogni migrazione, mentiva
e tu l’hai lasciato
sfogliarsi al davanzale
che si ondulasse di brina che sbocciasse
come un’escrescenza
come si gonfiano le cicatrici
quando le risveglia il sole.

109 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*