Figure

e non soltanto gli occhi, quelli davanti al giorno che muore:
mi prende la parola, il gesto, ed ogni resto di luce incastrata,
l’ora che in un suo giro d’onde mi ritorna:
e riconosco i suoi sottomarini,
la gioia che inchioda l’acqua e più su, le vette avvistate lamelle
della malinconia.
Son’io lo spazio prolungato, il volto venuto dalla sabbia
l’uomo che studia al tavolino le costellazioni,
la carica dei pesci sotto il materassino.

109 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*