Fobia

Ho un vestito

chiaro, bianco, scuro, rigenerato,

deodorante all’essenza d’uomo

le vestigia del cuore mio.

 

Dappertutto m’osservano

con indispensabile scaltrezza,

ho le mani con chili di sudore

gli occhi in allarme rosso

la capacità ridotto all’osso,

fesso a più non posso.

 

Mercanti di pretese

assaggiano il mio interesse,

strattonatemi per il colletto!

Il mio collettivo psichiatrico

ha già dissanguato litri di sapere

tra le pareti deliziose del presente

ed il vento che borbotta dal balcone

-sostando sulle soglie dell’attenzione-

spazza via pose inamidate,

mentre il codice sorgente

apre fauci inaccessibili

eradicando

i possessori della mente.

Questo articolo è stato pubblicato in Autore Massimiliano Moresco da Massimiliano Moresco . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Massimiliano Moresco

Ho iniziato a scrivere poesie nel 2012. Prima non avrei sognato mai di dedicarmi a questa forma di espressione, in quanto preferivo altre forme di comunicazione. Tuttavia, come una specie di folgorazione, dopo aver riletto lo Zarathustra di Nietzsche e il libro Rosso di Jung, ho sentito l'esigenza, direi quasi maieutica, di tirare fuori il mondo sottostante alla coscienza. Quel famoso mondo inconscio, irrazionale, magmatico, il quale se non collocato sotto la luce del sole razionale, rischia di possederti.
178 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*