I Fell In Love Too Easily

Improvvisa ho rivisto ogni ragione
che ti faceva a me
l’amore, la gioia del mattino
che sorgeva spettinata e i nostri gusci
intatti nell’estate, la tua ciocca
scura, il nostro folle rimandare
il sorso dal bicchiere.
Non ho ricordato, sia chiaro
questo; sono stato. Al gemmare
delle gocce sul tuo labbro superiore
nell’unico luglio a cui ogni luglio
cercherà di rassembrare
e al canto dei coreuti (le onde, l’elicriso,
la tabellina del tre che regola il maestrale).
C’è chi vive senza avere visto
e crede e c’è chi ha visto dio
come l’ho visto io.
Dio erano noi indecisi
se cantare
il canto che non avremmo mai cantato.

295 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Ivano Ferrari

Ultimi post di Ivano Ferrari (vedi tutti)

Precedente Ladies And Gentlemen We Are Floating In Space Successivo Le dodici volte in cui ti ho amato

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.