In un dì di festa

 

picasso

 

 

 

E’ una tavola curva

con il piatto che scivola

e pietanze a confondersi

tra desideri nascosti

sotto campane d’argento

che trattengono il fumo

l’odore e l’ardire

 

e mani sotto si cercano

( quasi in preghiera)

e occhi sopra si lasciano

tra gesti confusi

e sedie che ballano

l’equilibrio precario

 

tirato

tenuto sospeso

spezzato e spiazzato

dal mago di turno

che toglie tovaglie

 

e semina i resti

del pane di ieri.

 

 

Questa poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l’attribuzione all’autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

158 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*