la luna nel sax

e poi ancora Coltrane fughe e nascondigli,
la marea sulla bocca di novembre, la mia camera oscura.
Ti costruisco nello spazio bianco
dopo il vento nel passo invisibile appena dentro la corsa del sax
mio castello sulla spiaggia larga di Bretagna
e ti metto un bambino sulla torre alta a guardare
le nuvole per ogni gioia che t’assomiglia,
e lì ci troveranno con l’aria alla gola
per essere fragili e resistere ai pesi della luna.

255 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Giovanni Perri

Ultimi post di Giovanni Perri (vedi tutti)

Precedente POLVERE Successivo Stare dentro l'involucro

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.