La resa

mg_5055

Le corolle non si aprono

 

in attesa dell’abiuro. Abbiamo rinnegato il confine

fra il mento e il petto, perso il sostegno delle pietre sterili

 

che ci nutrivano. Siamo falsi

dipinti; nudi malfatti

 

senza cornice. Arrenditi. La stoffa lisa

continuerà a brillare

 

come un vetro

incastonato nel fango

168 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Donatella Pezzino

Ultimi post di Donatella Pezzino (vedi tutti)

Precedente Nonna Successivo SOPPORTARE LA NOSTRA FINITUDINE

2 thoughts on “La resa

  1. Bella poesia piena di disinganno e di coerenza con il nostro essere, soprattutto là dove fai riferimento alla fisicità (che poi si riflette sulla mente). Mi sarei aspettato un perdere il confine tra la mente e il petto piuttosto che tra il mento e il petto, perché se il petto è sede di qualcosa di umano, il mento è vuoto se non nell’espressione “con il mento in avanti”. Un abbraccio.

    • Donatella Pezzino il said:

      Scegliendo l’immagine del confine fra il mento e il petto non pensavo in effetti ad un contrasto – ad es. fra l’umano ( il petto) e qualcosa al suo opposto – quanto piuttosto ad un atteggiamento ( “tenere il mento sul petto”) che denota pudore o riserbo. Grazie per la lettura e per l’osservazione. Ciao Marcello, abbraccio ricambiato 🙂

Lascia un commento

*