La vittoria

Non ci sono mai abbastanza neon
qui.

Non ci sono mai abbastanza luci
alle porte e alle mie finestre.

Resta un volo, l’ultima corsa
del fare sentimento
poi, tutto sarà perfetto
e buio

– Ed è così che deraglio,
lasciando l’ultima stazione
ad un metro dalla porta
di casa?

Non c’è mai luce nel ventre scuro,
solo vertebre flesse in fondo
ad un corridoio.

Ma prenderò la Speranza
facendo la coda al bigliettaio
Ed attenderò, un soffio tra i binari
ossuti, come tutti

Il giusto alito di fottuta
Vittoria. Uno spazio piccolo piccolo
e poco fastidioso, sulle seggiole
legnose di qualche Terminal
sbiadito nel mondo

Me lo si deve!

Questo articolo è stato pubblicato in Autore redent Enzo Lomanno e contrassegnato come , , da redent Enzo Lomanno . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su redent Enzo Lomanno

Redent Enzo Lomanno (Vincenzo Lomanno) nasce a Moncalieriil 05-04-1976 e vive attualmente a Roma. Scrive inizialmente per svago, raramente, poi sempre con più intensità. La poesia è per lui un qualcosa che va al di là di un semplice tratto: è una cura. Nel 2012 fonda il movimento Bibbia d’Asfalto (http://poesiaurbana.altervista.org/) insieme ad altri redattori e scrittori del Movimento, promuove diverse iniziative finalizzate alla socialità e all’arte, tra cui la rivista culturale quadrimestrale Bibbia d’Asfalto con la casa editrice Kipple officina libraria. I suoi testi sono stati pubblicati su vari blog letterari, Antologie, riviste specializzate (Pastiche, Versante Ripido, Almax Magazine ed altre). Ha pubblicato con Matisklo edizioni la raccolta poetica "Una Piuma a Babilonia" e "cicuta" con Terra d'Ulivi Edizioni. Collabora attivamente con 100 Thousand Poets for Change e con altre associazioni quali sicilia.punto.poesia e Revolutionary Poets Brigade.
162 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*