Le rive degli occhi ( Jonathan Varani – Catia Dinoni )

 

Teniamoci
con mani attorcigliate
fuori dalle parole
stanche

è simile al fuoco
rompere i segreti
in un autunno di voce:

le ciglia sgranate,
nel fiume di cenere
sono rosari del silenzio

e se l’acqua è la fuga
affidiamoci
al corpo della neve,

quella breve pausa
che gela le paure

per poi sciogliere
il veleno dei giorni

sulle rive degli occhi.

 

 

[ poesia scritta a quattro mani ]

 

133 Visite totali, 3 visite odierne

The following two tabs change content below.

Catia Dinoni

Ultimi post di Catia Dinoni (vedi tutti)

Precedente Trama Successivo Do' Sud. Deci canti d'argentu e malusangu - Traduzione di Salvatore Leone

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.