L’ispirazione

459px-Lightning_hits_tree
 
 

I
E di sera
io danzo l’habanera.
Ricordi silenziosi
aprono gli occhi permalosi
e battono i piedi qui con me.
Io sono il maestro.
Io li dirigo.
Io sono il maestro di bravura artificiale.
Io dirigo la musica
nell’aria che sa di temporale.

II
Il temporale è già tornato a casa
fra le nubi,
mentre io lo saluto
da quaggiù:
“Vieni presto, eh? Domani sera!”.
Ma se non vieni
festeggio ugualmente.
No, non per dimenticarti:
per rimpiangerti meglio
(come direbbe il lupo
a Cappuccetto Rosso)…
e più gioisco
più sono solo.

Da Manto di vita (LietoColle, Como, 2005)

 
 

Fotografia: U.S. National Oceanic and Atmospheric Administration

8 Visite totali, 0 visite odierne

The following two tabs change content below.

Pietro Pancamo

Ultimi post di Pietro Pancamo (vedi tutti)

Precedente Per molti, ma non per tutti Successivo da "Canti tolemaici" (revisione) Vol. I - Bastogi Editrice, 1989

Lascia un commento

*