Maggese

Come campo a maggese
lascio le zolle riposare.

Di tante feconde messi restano
[solo] spighe abbandonate.
Satelliti, ho visto nei volti
e conoscenze degli antichi.

Come campo a maggese
lascio le zolle riposare.

Di tante feconde messi restano
[solo] spighe abbandonate.
Satelliti, ho visto nei volti
e conoscenze degli antichi.

[Eppure] vivo i tempi dei cani
e scorgo bellezze crudeli
coperte da oblio infinito.

Talvolta pensieri seminali premono
[ma] il giogo delle stagioni incede.
Primavera [beffarda] sorride
con piogge e tumulti.

In preda a comodi sillogismi
[miserabile] l’uomo che muta casacca.
Dimmelo [come] se bastasse un’occhiata!
Vinto da fame, dirai.

Ma troppe volte t’ho visto
ululare alla luna, [disperato]. #

 

130 Visite totali, 4 visite odierne

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Maria Orlando (vedi tutti)

Precedente Impatti Successivo La violenza delle ore (di Alejandro Murguìa)

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.