Marzapane

Cosa c’è di sregolato

nei treni a lunga percorrenza, fra suolo e giorno,
che non si possa tacitare? Nel sonno cosmico
degli alberi,

io sono il dettaglio che non si ricorda. Eppure,
ho memoria. Del silenzio degli uccelli al mattino,
delle scarpe che non ho indossato. E
di un vicolo cieco:

il mio orizzonte perfetto.

406 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.
Precedente il buio Successivo Attese

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.