Océan

Océan
Non mancava nessuno,
nemmeno tu in forma di nebbia.
O forse eri la nebbia stessa; alcuni
ti chiamano bruma, come brumosi
i tuoi sorrisi in prima serata.
Tutti i treni erano pieni di ricordi
in veste umana e di fumo.
Solo quello inseguito da te
era vuoto. Ma era davvero il tuo.
Mica c’è poesia in quest’ordine
tutto edificato per farti scordare
quanta Bellezza c’è nei nostri
corpi, così passati e così viandanti.
C’è acqua a sufficienza
per lavare il presente
che, lo so, tu ami da così lontano

188 Visite totali, 4 visite odierne

The following two tabs change content below.

Mirko Servetti

Ultimi post di Mirko Servetti (vedi tutti)

Precedente Soliloqui Successivo “x Novembre” (di Ludovica Lanini)

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.