Palestina

una madre dalle braccia vuote
è uno sparo che fa piccolo il mare
non c’è altra immagine a vestirmi
se pronuncio Palestina, non c’è perdono
o ponte a unire le acque, non c’è tregua
per il ventre dilaniato di una terra
che esiste e non ha nome

e qual è il nostro nome
noi, che assistiamo al pianto
e piantiamo alberi per salvare la terra
saremo assolti dal trattare la morte
come spunto per brutte poesie?

saremo assolti dal sentirci uomini
in questa strada dove l’asfalto vince e copre
chiamando a gran voce il sangue, come promessa
di un dio che d’infinito ha solo il tempo verbale
della parola uccidere?

195 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*