quando accadrò d’inverno

avaro il tempo degli occhi e avare le parole,
in questa poca estate che ancora non sanguina:

[a me bastava saperti dove sei, anche solo questo
saperti lì, adesso
piccolo dono che mi tiene,
mio star di casa nel mondo centrato in piccoli rifugi, nelle voci, nelle croci.]

-allora coglimi a galla di piccoli balconi
dove cadono versi sfuocati all’imbrunire
e si riempiono vicoli e statue e pizzerie

componi questi umori di nuvola
quando accadrò d’inverno
e spunterò come un gatto di strada
che sale per bere pioggia buona.

286 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*