Ragno

Sono un ragno
vi voglio ingannare
sono attraversato
da strisce nere sul dorso,
una bocca con cui mangio l’alba,
zampe selezionate alla danza.

Eiaculo intelaiature
ad alto assorbimento emozionale
perché sono un architetto provetto
la tela che filo
è a basso impatto ecologico,
un agriturismo dove catturo
qualche insetto mietuto alla vita

ma solo quando serve,
non voglio accumulare carcasse,
mi piacciono le delizie appena colte
dalla mia trappola.

Ogni tanto muto colore
devo confondermi nella folla,
sono un muro e non mi vedi
sono un marciapiede e mi investi
o perlomeno provi a stordirmi
ma io sono attento
perché ho occhi dappertutto.

Quando è necessario
passeggio nei boschi,
l’aria è fresca
satura di infinito.

Questo articolo è stato pubblicato in Autore Massimiliano Moresco da Massimiliano Moresco . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Massimiliano Moresco

Ho iniziato a scrivere poesie nel 2012. Prima non avrei sognato mai di dedicarmi a questa forma di espressione, in quanto preferivo altre forme di comunicazione. Tuttavia, come una specie di folgorazione, dopo aver riletto lo Zarathustra di Nietzsche e il libro Rosso di Jung, ho sentito l'esigenza, direi quasi maieutica, di tirare fuori il mondo sottostante alla coscienza. Quel famoso mondo inconscio, irrazionale, magmatico, il quale se non collocato sotto la luce del sole razionale, rischia di possederti.
180 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*