Scusate

Scusate se vi annebbio
con la sabbia,
il mio mare
che ondeggia
è un deserto che si stende
un metro all’anno.

E la lingua, il sapore di mani
e di feste, di umori fuggiti
tra toni e semitoni
della mia voce
sempre più avida
di parole
che non esistono,
rimbalzano nei timpani
come se volessero evaporare.

Ma ho masticato cento lune
questa notte che sono cruna
di un lago
infilzato
da sottile biancore
ad assassinare brodi fetali.

Se luce m’incarta
inserto divento
E porto via me stesso
nel deserto, nei silenzi
nei suoi fiori sbocciati
come stelle cadenti.

Questo articolo è stato pubblicato in Autore Massimiliano Moresco da Massimiliano Moresco . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Massimiliano Moresco

Ho iniziato a scrivere poesie nel 2012. Prima non avrei sognato mai di dedicarmi a questa forma di espressione, in quanto preferivo altre forme di comunicazione. Tuttavia, come una specie di folgorazione, dopo aver riletto lo Zarathustra di Nietzsche e il libro Rosso di Jung, ho sentito l'esigenza, direi quasi maieutica, di tirare fuori il mondo sottostante alla coscienza. Quel famoso mondo inconscio, irrazionale, magmatico, il quale se non collocato sotto la luce del sole razionale, rischia di possederti.
187 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*