SPECCHI

Sulla strada di ritorno, una voce
ha planato sulle verità altrui:
tutti sono sicuri ed urlano.

Il suono fa eco e l’immagine è
purpurea, nubi chiudono spiragli
di lucentezza, come premonizione:
il mondo ha limiti fatti di specchi
e la morte ha le mani sporche
del tuo sangue.

Se guardi lontano, scorgerai
desolazioni che hanno il tuo volto
senza memoria né coscienza.

265 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*