Storie di terra, di acqua, di fuoco, di aria

amor, ch’a nullo amato amor perdona

come la luna e le sue falci;
come le gazzelle lontane, atterrite dai lunghi
tam-tam della memoria;
come acque sorgive dal pallido nitore

poscia che fummo al quarto dì venuti

da nubi d’occhi piangenti;
come vessilli magnetici d’occhi d’humus;
come tracce ancora fresche d’occhi eloquenti

galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse

come la strada perduta ai canti senza luna;
come la vergogna degli anni trascorsi
spiando spartiti della memoria

ricorditi di me, che son la Pia

desiderata a ritroso nel tempo;
come ciò che cresce al ritmo del silenzio;
come la postura dell’essere silenzio;
come il silenzio nella stanza dopo l’epicedio

112 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Mirko Servetti

Ultimi post di Mirko Servetti (vedi tutti)

Precedente l’universo dentro di me (di O.03) Successivo Senza titolo

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.