Una poesia da “A rima armata” ed una recensione a “Guerrilla blues” (di Alessandra Bava)

IL PUGNO FURIOSO DEL DESIDERIO HA PIÙ BERSAGLI *   L’ho letto stamane sul giornale, il titolo troneggiava lì da qualche parte tra pagina 33 e pagina 39, ben oltre l’Attualità e la Cultura.   Un titolo microscopicamente cubitale come il verso di un poeta lanciato al mondo con lettere grondanti urla. Un titolo così duro,   un titolo così … Continue reading

Cercando di dimenticare il disastro del Golfo in visita a mia madre in Florida (di Terri Carrion)

  Dopo una lunga passeggiata nel centro di Hollywood, Florida, superate le coppie alla moda che cenano in ristoranti dal prezzo esagerato, superati i cafoni locali ubriachi che si spartiscono il territorio al bar sulla Octopus sidewalk e al pub irlandese Kelly’s, superato il banco dei pegni e lo strano G.D. bazar di abbigliamento femminile con quei due orologi anni … Continue reading

La rivolta degli asini romantici sull’autostrada da Marrakech a Rabat (di Michael Rothenberg)

    Per Noureddine Bazine e El Habib Louai, maggio 2014     Solo i matti pianificano un mondo migliore cinque minuti al giorno sotto un carrubo parliamo senza restrizioni ma soprattutto, trasportiamo carretti di arance dolci al mercato appoggiati contro il muro della fortezza caldo e dalle fessure sanguigne e piangiamo per i nostri padroni non tanto per noi … Continue reading

Appuntamento in Pakistan (di Michael C. Ford)

      Ci sentiamo i più vulnerabili. Essendo poeti, ci riconosciamo appartenenti ad una professione nobile e pericolosa.   È come trovarsi in Pakistan dopo il tramonto. Le forze del male insieme a questa industria implacabile e spericolata   minacciano costantemente i commando della lingua le cui sacre armi combattono contro i pronomi (e anche i sostantivi   dilettanti … Continue reading

La violenza delle ore (di Alejandro Murguìa)

    È nell’aria non si sa da dove verrà non si sa neanche da dove un colpo alla porta una sirena di emergenza che giunge per voi o uno sparo attraverso la finestra di notte o a mezzogiorno senza preavviso né sms né e-mail darà il segnale seduta alla sedia della tua scrivania o guardando la televisione è sempre … Continue reading

Esortazione (di Alessandra Bava)

  http://poetryrulesbyalessandrabava.blogspot.it/ http://romerevolutionarypoetsbrigade.blogspot.it/   Poeta non essere borghese, non essere cattedratico, non essere presenzialista.   Poeta non sei il depositario del sapere, non sei il dispensatore di verità assolute, non sei colui che illumina.   Poeta, sei carne, sangue e stallatico, sei parola partorita nell’ombra, sei quello che fai e non quello che scrivi.