Recensione a “Muro di casse” di Vanni Santoni, Solaris – Laterza 2015

A pagina 11 la definisce – o meglio la azzardo, e tu interpretala nella direzione che preferisci: – …la cosa migliore realizzata dalla mia generazione.; e un po’ più avanti cita Deleuze insieme a Guattari, autori di riferimento per quella Nietzsche Renaissance che ha attraversato anche le due decadi a cavallo del terzo millennio. Decadi che hanno visto sorgere e … Continue reading

L’ultima corsa

È così l’ultima corsa. Un volo che ricorda qualche passo; a volte un sorriso. E dimmi poi ora che abbiamo staccato Se ne è valsa la pena Avevamo sempre fretta Lo ricordo bene e parlare con questo silenzio sembra non funzionare tanto quanto allora Perché il destino è più veloce delle parole e loro taciute oggi non hanno più ragione … Continue reading

Giunco

Come giunco intrecciato flesso assisto a mirabili tessiture. Abiti le parole come pochi. Che ora non fanno eco. Quando ancora non eri l’uomo risolto con un altro artificio venisti fuori. Abile ad arginare, era d’altro che ti dicevo. Ma non importa adesso, sono stanca e assediata dai cani. E tutto questo adesso appare come inane bizantinismo. Ho finito di ravvisare … Continue reading

happy new year (2011)

c’è nell’assoluto (di un amore che comanda) qualcosa che – schiaccia, offende logora; tradisce: incanta     lo aspetteremo – assorbiremo – senza ritegno; mio eroe! lo umilieremo… lei ti adora: c’è dell’esistenza in ogni dove -> stai andando a fracassare e non lo sai      

la ballata dell’italico BòBò (2010)

i figli della borghesia italiana, stanno forte si sentono traditi quando manca il vino senza produrre un briciolo – in vita – di tanto che consumano soprattutto quando sanno cucinare.   però i figli della borghesia italiana, stanno forte si dicono a cavallo metti che si trova il fumo, sapendo ancora un giorno di averla fatta grossa al gioco del … Continue reading

NO РУТИНА (2011)

    esplode una piccola, Apocalisse di Fukushima giorno per giorno – dai brandelli dei nostri quartieri …cada dìa.. cada dìa..   SENTITEVI BELLI perché si trasuda una guerra. potenza cingolata dell’esistenza di rimorchio al bollettino dei caduti; oggi dì – ancora e come ieri sotto il maggio sordo dei lavoratori …cada dìa.. cada dìa..   non v’è deflagrazione atomica … Continue reading