Taglia e cuci

Provo ad abitarmi,
le imposte sono chiuse
qualcosa deve bollire
nel paiolo. Solo gli odori
da fuori emettono
sottili strisce di luce
che appaiono costrette
tra pollici umettati.

Un’isola, si cuoce
a fuoco spento
nell’ingresso nella mente
allineando l’infanzia
col tremore della vecchiaia,
l’eclissi che si scuce
è il leone che ruggisce
davanti a se stesso.

L’anima è cucita cieca
addosso alle spalle
spellate per il peso
greve che schiaccia.

La sua gravidanza
nonché l’uscita dall’incerto,
eleggono un intermediario
isterico ma pur sempre valido
a periziare l’ignoto.

Il manifesto,
ciò che lampeggia
sfrigola.
Ed è un clitoride enorme
in assetto di guerra,
forse diventerà un verme
e striscerà
in cerca disperata
di una elissi
che libera farfalle

e in quel luogo senza tempo
divaricherà la sostanza
e la materia compenetrata.

Questo articolo è stato pubblicato in Autore Massimiliano Moresco da Massimiliano Moresco . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Massimiliano Moresco

Ho iniziato a scrivere poesie nel 2012. Prima non avrei sognato mai di dedicarmi a questa forma di espressione, in quanto preferivo altre forme di comunicazione. Tuttavia, come una specie di folgorazione, dopo aver riletto lo Zarathustra di Nietzsche e il libro Rosso di Jung, ho sentito l'esigenza, direi quasi maieutica, di tirare fuori il mondo sottostante alla coscienza. Quel famoso mondo inconscio, irrazionale, magmatico, il quale se non collocato sotto la luce del sole razionale, rischia di possederti.
196 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*