Quando ti scoprivo triste

Non riesco a disegnare
il girone dantesco
che imperversa,
so che c’è un luogo
dove soffermarsi
fa male, e madre mia
tu mi combaci
nello sguardo
e nella piega di labbra
abbassate
come quando ti vedevo
stringere i denti
per non vomitare
la solitudine degli anni:
ora che ci sono dentro
e non ti guardo più allo specchio
mi cade il pettine all’inferno.

A raccogliermi i capelli
sono ossa bollenti
schiave di un lamento di fiati.

245 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Catia Dinoni

Ultimi post di Catia Dinoni (vedi tutti)

Precedente Enigma d'un pomeriggio di luglio Successivo Ali

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.