Ancora l’estate

Ero sbronzo del sangue
di mia madre, umiliavo
ogni storia e ninna nanna.
 
Ecco, chiedevo
una stanza e del pane, qualcuno
danzasse sui miei nervi ustionati.
 
Chiamai la più grande
di ogni adunanza, scavai
nel ventre di Omero e trovai
un crocifisso. Non fui
poeta, ma un gallo, e tossivo
e cacciavo le stelle.
 
Di colpo fu ancora l’estate.

214 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Mattia Tarantino

Ultimi post di Mattia Tarantino (vedi tutti)

Precedente Poesie inedite di Giuseppe Vetromile Successivo Una solitudine forzata

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.