Caterina

Quando mi consolavi
con mani e strofe
io mi libravo
come un surfista.
Innalzavo bracciate
su acrobatiche speranze.

Quando mi raccontavi
di storie spezzate
come quella del Compare Gallo
io ammainavo le vele
e mi appoggiavo al tuo tendine.
L’indice carezzevole.

Quando sei morta
avevi una storia da raccontare
di novantacinque anni.

Me la narrasti sulle gote.

Ebbi tutta l’immensità
del tuo essermi nonna.

( Dipinto di Cristiano Tweny)

201 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Francesca Rossetti

Ultimi post di Francesca Rossetti (vedi tutti)

Precedente Scimmiepoeti Successivo Lacrima di mare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.