Caterina

Quando mi consolavi
con mani e strofe
io mi libravo
come un surfista.
Innalzavo bracciate
su acrobatiche speranze.

Quando mi raccontavi
di storie spezzate
come quella del Compare Gallo
io ammainavo le vele
e mi appoggiavo al tuo tendine.
L’indice carezzevole.

Quando sei morta
avevi una storia da raccontare
di novantacinque anni.

Me la narrasti sulle gote.

Ebbi tutta l’immensità
del tuo essermi nonna.

( Dipinto di Cristiano Tweny)

99 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Francesca Rossetti

Ultimi post di Francesca Rossetti (vedi tutti)

Precedente Scimmiepoeti Successivo Lacrima di mare

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.