Disgelo

Sbocciare; sfiorire. In tutto

un profumo sottile,
un male necessario. C’è
una vena d’abbandono, nascosta

in ogni primavera: la ruggine
fra l’edera e il cancello,

i tuoi occhi sinceri, e il vento
che lasciammo
ieri

su un viale di petali caduti.

(foto: Natalia Drepina)

501 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.
Precedente La neve di marzo Successivo Di quello rimasto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.