Crea sito

Ferite

ogni volta che un ponte saltava si piangeva
ed era un piede un occhio a lasciarci come quando
il vento si fermava e il primo a lamentarsi era il cane
che il temporale gli muoveva la terra e noi non si sapeva
ancora quale strada prendere
e alzarsi aveva sempre quella forma tra gli occhi
livida luna a sinistra, ferma come un osso

Ora non vedo e sento solamente
i rumori dei fossi
le poche case in fumo i trucchi sotto le ferite
Sono un soldato d’acqua
bucato non so dove in un punto del tempo che tira
e sanguina e suda

 501 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top