Crea sito

Finzioni

quante mani applaudono, si staccano dai nuvoloni e quante pozzanghere a bollire negli occhi e fuochi fatui e sogni come battelli a vapore.
Salgo con un inchino all’amore, quando mi mordo il cuore e sogno
un copione di piogge da bere dove ogni piccola tristezza sfuma.

Questioni dell’alba. Essere ragno e farfalla. Molecola di gioia di un corpo lontanissimo, che tace.
Non c’è teatro che non inghiotta. E l’anima l’angoscia, sola, come un’attrice nuda, nel camerino, ad annusare specchi e fiori.

 543 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top