In morte di Mirta

Mirta a prendermi ora per mano.

Al melograno fiorito di rosso tendo

del tuo giardino e si ricompone

l’affresco nella mente, attimo che

è un’intera vita sottesa alla tua morte

da te stessa causata. Ritornerò alla

tua villa e la Madre mi accoglierà

e non ci sarà compassione per te.

Anima di Dio, anem’e Dio così donna

in carriera e architetto e ballerina.

La Madre ed io non piangeremo.

E stai ora infinitamente in Cielo

senza rimpianti e di noi più felice.

 756 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.

Raffaele Piazza

Ultimi post di Raffaele Piazza (vedi tutti)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.