Jolanda Insana / Caffè Letterario

pupara sono
e faccio teatrino con due soli pupi
lei e lei
lei si chiama vita
e lei si chiama morte
la prima lei percosìdire ha i coglioni
la seconda è una fessicella
e quando avviene che compenetrazione succede
la vita muore addirittura di piacere

(Da “Sciarra amara”, Quaderno collettivo della Fenice n.26, Guanda 1977)

*

dolente e sbigottita
si sveglia di notte
per ascoltare il respiro
la vita offesa che cerca la verità
sotto la luna specchiata alla finestra

nient’altro che disamore
null’altra occupazione se non rifarsi

*
la verità non fluttua sulla terra
ma pietra su pietra si cementa con il ciottolame
e rinsaldata s’alza lentamente
svergognata

è la luce che definisce le cose
e non basta essere esperti in lanci bassi
se la mano non riafferra la trottola
facendola saltare sulla palma aperta
per il varco tra indice e pollice

*

corpuscolo e onda
la luce è malata
internamente fratturata

malati i campi
malati gli animali

chissà se cinguettavano i dinosauri

*

intorcigliato porta al collo
il cobra sdentato
e inebetita incede
tra mine e minareti
finché s’arresta
sbaragliata in un lampo
la vita pittata alle pareti
del conservatorio smantellato

passò di qui qualcuno?

(Da “Turbativa d’incanto”, Garzanti, 2012)

Jolanda Insana nasce a Messina nel 1937. Laureatasi nella sua città d’origine con una tesi sulla letteratura greca, affianca all’attività letteraria un intenso lavoro di traduttrice: di autori classici (Saffo, Euripide, Callimaco, Ipponatte, Anacreonte, Lucrezio, Marziale), medievali (Andrea Cappellano) e moderni (Ahmad Shawqi, Aleksandr Tvardovskij). Come poetessa, la Insana si fa conoscere e apprezzare negli anni Settanta, dopo la pubblicazione della silloge Sciarra amara(1977). Fra le altre sue raccolte si segnalano Fendenti fonici (1982), La clausura (1987), Medicina carnale (1994), La stortura (2002) e Turbativa d’incanto (2012). Nella sua poesia la parola si fa urlo, potente e lacerante, per dar voce ad una ferita profonda che non può guarire perché radicata nell’atto stesso dell’esistere. Muore a Roma nel 2016.

 

(Immagine: “Ritratto di Marta” di Renato Guttuso)

 138 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.

Donatella Pezzino

Ultimi post di Donatella Pezzino (vedi tutti)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.