Nanni Cagnone | DerivAzioni poetiche

 

Nanni Cagnone, credits ph. Dino Ignani

 

Nel verde nato colore
che conversa con l’ombra,
nei giardini, credendosi
smarrito, o in fioca lunula
al fondo delle dita,
lo stesso vincolo
di quando si guarda
non riamati
un corpo mortale.

Un luogo appartiene
alle domande,
e ognuno nel cammino.

 

*

 

Nascere.
Illudere luce
percuotere onde.
andar di nuovo
lungo muri di sale,
spargendo voce
su cose finite.
Timore che il sonno,
nel suo racconto,
completi ognuno
col pianto.

 

*

 

Non si preghi
quel nome,
e non si ripari
l’uscio socchiuso –
è vuoto che insiste
verso i limoni,
lontanando
in una madre,
allora.

Ecco, io sono
diversamente te –
tardi le braccia,
staccato a guardare,
avvolto nell’onda
che fa quella casa
strascico di mare.

 

Da A ritroso, 2020-1975, di Nanni Cagnone, nottetempo 2020: https://www.edizioninottetempo.it/it/prodotto/a-ritroso

Nanni Cagnone (1939), ligure di Ponente, “di quelli che tramontano”, è stato batterista jazz, giornalista, editore, direttore creativo d’agenzie di pubblicità, consulente per la company image, docente d’estetica e di strategie progettuali. Oltre alle opere poetiche, romanzi (Comuni smarrimentiPacific Time), racconti (Cammina mare), saggi e aforismi (DiscordeDites-moi Monsieur Bovary). Ha tradotto e commentato The Wreck of the Deutschland di G.M. Hopkins, Agamemnon di Eschilo, Perì Phýseos di Parmenide.

 652 total views,  6 views today

The following two tabs change content below.
Ksenja Laginja

Ksenja Laginja

Vive e lavora tra Genova e Roma.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.