Nessuno

Io sono nessuno.
Nessuno. Non ho bisogno di un posto dove attecchire
non ho bisogno di entrare nella terra. Non ho bisogno di Ezio
che ha uno spazio che non sa colmare.
[Ho scelto un nome non comune per non citare nessuno anche se ciò che dice è molto comune.]
Io sono un dono per me stesso, grazie ai polmoni, grazie alla casistica e a un’unione di spermi e giri di cuori. Devo dirlo: la siepe che ha il numinoso dietro mi ruba gli occhi. È decorata come un cesto di lumache, mi narra di guerre liriche tra pappagalli a chi ce l’ha più grosso (il pesciolinorosso?) pardon il piumaggio. Ci stanno i calciatori: mai sfatti, visi asciutti, puliti, registrati. Tinte unite. Pitagorici. Hanno le puntine e le candele appena regolate. L’acqua sigillata con le maschere. Ok, berne a litri di questa acqua in bocca. Meglio il silenzio se hai troppe congetture. Non parliamo dei pianeti solari. Tutti e dico tutti girano intorno per delucidarsi meglio. Fanno branco. Non parliamo di cultura che poi si arricciano le extrasistole. Ma siamo così sicuri che serva? Dicono che la sua mancanza faccia diventare barbari. Eppure mai come oggi non finiamo di annusarci con timore. Siamo cani. Con l’odore attaccato dietro e poi c’è Pietro e la sua pietra, una chiesa, un’emanazione verso l’assoluto. C’è questo vento che non voglio fare entrare ancora anche se anch’io mi voglio edificare.

111 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Massimiliano Moresco

Ho iniziato a scrivere poesie nel 2012. Prima non avrei sognato mai di dedicarmi a questa forma di espressione, in quanto preferivo altre forme di comunicazione. Tuttavia, come una specie di folgorazione, dopo aver riletto lo Zarathustra di Nietzsche e il libro Rosso di Jung, ho sentito l'esigenza, direi quasi maieutica, di tirare fuori il mondo sottostante alla coscienza. Quel famoso mondo inconscio, irrazionale, magmatico, il quale se non collocato sotto la luce del sole razionale, rischia di possederti.

Ultimi post di Massimiliano Moresco (vedi tutti)

Autore Massimiliano Moresco

Informazioni su Massimiliano Moresco

Ho iniziato a scrivere poesie nel 2012. Prima non avrei sognato mai di dedicarmi a questa forma di espressione, in quanto preferivo altre forme di comunicazione. Tuttavia, come una specie di folgorazione, dopo aver riletto lo Zarathustra di Nietzsche e il libro Rosso di Jung, ho sentito l'esigenza, direi quasi maieutica, di tirare fuori il mondo sottostante alla coscienza. Quel famoso mondo inconscio, irrazionale, magmatico, il quale se non collocato sotto la luce del sole razionale, rischia di possederti.

Precedente 'La parola detta' di Stefania Di Lino. Presentazione. Successivo Mio nonno

2 commenti su “Nessuno

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.