Crea sito

Oltre

affondare le mani, dici, fino ai gomiti: per esaurire il senso effimero dell’esistenza
e stare in grazia di tutti gli accidenti da sé soli, a rotolarsi l’animo di mille meraviglie;
ché non t’importa un dio dentro la pioggia, non un motivo che divini un frutto
una pozzanghera per trasumanar:

morire, dici, con maggior dignità, senza preghiera.

Eppure sento una disposizione affatto effimera alla vita:
che il senso della vita sia la vita stessa
nel miracolo d’un sole che scompare:

e mi domando la forma dei cieli
e il nome di una stella per dividermi
e mi domando ancora cosa tocco, se tocco:
cosa mi arriva ai gomiti del fango
dove lo perdo il sole che declina?

 520 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top