Plasma

Quello che dico è un attraversamento
il luogo dell’incendio, la prima scintilla dell’oblò.
Qui sgretola il cielo, si fonde il tesoro dell’acqua e della luce
la pioggia spacca le antenne:
dico che sono dietro l’assedio, con fratture alla voce e occhi di sale e benzina
e ho foglie di bosco, carcasse d’animali e fiori
per asciugare i suoni della lingua,
vado col passo contadino e mi raccolgo:
dico che piango per troppo vedere
per troppo pensare esplodo in tanti piccoli me: sogno l’impero e il secondo
la notte tutta impaurita tra le rose
che guardo come se fossero tue finestre
cenni della terra, inverno
che perde acqua dai televisori.

58 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Giovanni Perri

Ultimi post di Giovanni Perri (vedi tutti)

Precedente 'Poetry Sound Library', un progetto di Giovanna Iorio Successivo Bollicine

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.