Quasi poeti, noi

noi siamo così, colori di una mano aperta
pronta a stingersi intorno alla parola
è come giungere in punta di vita, vino
che geme nella botte di rovere, trasuda
di rosso carminio pensiero di volti sbiancati 
dall’altra parte del mondo al mio stesso vento

siamo noi, nomadi tra i nomadi
senza dio credenti nell’amore
fra chi in Dio crede e ne fa scempio
stelle cadenti in cerca di casa
alberi muti e tanto forte radicati
nella notturna terra degli invisibili

noi che vi tiriamo i piedi la notte
sotto le vostre coltri di seta
fantasmi ignorati dalla parte ricca dei confini
ultimi degli ultimi e come tutti gli ultimi
straripanti di sogni

noi siamo così, quasi poeti figli di un ramo
che gemma allo sciogliersi acre del suono
c’è bellezza nel vuoto come c’è un uomo
in ogni blocco di creta

334 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Annamaria Giannini (vedi tutti)

Precedente ù sont les neiges d'antan? Successivo Lo spessore di un minuto

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.