Senza titolo

si ricompone l’uomo tellurico
adempie alla sua intima morale:
passare attraverso, sanguinare
nel buio di una stanza
come se il buio sapesse rivelare
l’esatta cucitura di un volto,
essergli fondamento, ancora, d’amore.

Cruenta allegria per voialtri esaudita,
passeggera dei corpi esplodimi affianco
fiore della memoria,
fa’ ch’io ti riconosca colpa, canzone,
antenna del mio porto in rovine.

94 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Giovanni Perri

Ultimi post di Giovanni Perri (vedi tutti)

Precedente La misura del tempo Successivo Carla De Angelis: “Mi fido del mare”, (Fara ed. 2017) nota di lettura di Stefania Di Lino (2018)

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.