Crea sito

Sonia Caporossi, “Corpi di fondo” (ai profughi morti nel Mediterraneo)

Sonia Caporossi

 

Corpi di fondo                   

(Ai profughi morti nel Mediterraneo)

 

 

C’è un motivo se il mare è pescoso

: la pigra indolenza di questo giorno chiaro

ché la morte vien di notte

e          senza          scampo

 

Nell’acusia dell’onda

non esiste giustizia

::solo::     ::una::     ::vacua::     ::fluidità::

 

Nel riflusso e nel ritorno

annegano paure e desideri

 

L’imprecisione |esatta|

come il lancio di una gomena a vuoto

il risveglio di un gesto

{nella luce}

 

La diagonale errante

del sole che              {barbaglia}             in superficie

al        nostro       stringerci         le mani

per il freddo

nel terrore

 

Quando il {prisma} si compatta

|in 4-cubo|

e la fame di ragione

che ormai giace giù nel fondo

è inappetenza

 

La magrezza della Lupa

la Papessa

che di tutte le sue brame

sembra             esausta

 

Nella lucida

e beffarda

Resilienza.

 

(Dall’antologia AA.VV. “Alla luce d’una candela, in riva all’oceano”, a cura di Letizia Leone, L’Erudita Edizioni, Roma – 2018)

286 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.
Avatar

Sonia Caporossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top