Una solitudine forzata

La verità appassisce immobile,
sulle librerie delle vecchie case.

C’è una forza che si allontana
dalle dicerie, una cadenza
che è quasi un silenzio
che fa breccia fra i laghi immobili:
si forma una cornice
che sola tra le crepe bianche
aspetta il giudizio.

È un ricordo che dà un senso
all’acqua che si fa cerchio
e ritorna sulla sponda
pura e imperfetta.

210 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Luigi Finucci

Ultimi post di Luigi Finucci (vedi tutti)

Precedente Ancora l'estate Successivo Si sapeva

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.