VENERE

 

Ho fatto un quadro tre notti fa

nello stesso posto per tre volte

-un braccio col segno dei denti-

Lo specchio ridiventava vetro

prima che fosse carbone

-infuocata la stanza nel bosco-

Respiravo l’ombra del lupo con il sassofono

disgregare la moltitudine di anime nelle parete.

Formica!

Formica!

Formica!

Un buco sulla testa,

serratura aperta della galassia

appesa ad alpha e zeta

come cordone ombelicale

da un ventre all’altro.

E Mosca come un ronzio di isole e termosifoni

e un’onda sferica di foglie rosse

e sigarette abortite sul Giappone.

A folate Saturno riempie lo spazio,

e Venere, d’improvviso

a tener la sua fronte

ed il momento è cristallizzato ,

fermo

e lei è il colore

le tende, la finestra

il buio, la candela:

la stanza.

 571 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.
Avatar

Veronica Falco

Avatar

Ultimi post di Veronica Falco (vedi tutti)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.