ventiduedodiciquindici

Qui nella notte lunga
neppure un fremito di ghiaccio
né una luna algida
a dire che oltre la porta degli dei
troveremo le ginocchia di un inverno
a dondolarci
fuori dalle braccia tiepide
dalle mani nascoste nella nebbia
di questo autunno che strozza

[al vento diaccio di tramontana
il forno profuma mentre accarezzi
melanconie alla finestra
e ogni stanza, ogni letto si fa cuccia
per incollare i fianchi sotto la coperta]

È lì nel freddo che ho la casa più calda
una casa che raccoglie l’intimo
squadernarsi dei piaceri

258 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Amara

Ultimi post di Amara (vedi tutti)

Precedente Lungo Tevere (di Dafne Rossi e il Ninja – parte 4) Successivo Fiori d'inverno

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.